Associazione Giovanile Montaltese
Responsive image
Budget speso su 16896,00
Indirizzo

Marche, Ascoli Piceno, Montalto delle Marche

Email

associazionegiovanilemyclan@gmail.com

Social Profiles

Descrizione

Nell’ambito del nostro progetto “alla riscoperta del centro storico, della cultura e delle tradizioni”, abbiamo individuato una serie di eventi cruciali per la realizzazione dello stesso. La nostra attività si basa sullo svolgimento di due eventi fondamentali: “Casserata. Una Sagra del Cassero” e “La Notte delle Streghe e dei Folletti”; intorno a questi due eventi si articolano una serie di attività che necessitano una pianificazione attenta ed una comunicazione strategica, svolte sia all’interno della nostra sede (nel cuore del centro storico di Montalto delle Marche), sia nei borghi medioevali di Porchia e Patrignone. Come già sottolineato in precedenza, l’obiettivo dell’Associazione Giovanile Montaltese è quello di farsi interpreti della coscienza popolare, che il terremoto ha scosso e risvegliato, inducendola ad un naturale istinto di autoconservazione. Per fare ciò, crediamo fortemente che sia necessario sviluppare una serie di iniziative che colleghino in maniera duratura lo spirito della nostra cultura (tramandata dai più anziani) alle nuove generazioni, che sotto la nostra organizzazione, dimostrano da anni di essere assolutamente interessate alla rinascita di una società attiva e vitale nell’entroterra marchigiano. Tali attività, inoltre, spalmate in un programma che si articola durante tutti i mesi dell’anno, sono un’ulteriore spinta per tutte le attività del territorio, in particolar modo quelle dei centri storici, poiché da sempre l’Associazione Giovanile Montaltese si muove in un’ottica di “acquisti locali”. A partire dunque dall’utilizzo dalla nostra sede, per attività culturali come la presentazione di libri o produzioni musicali dei giovani montaltesi (sempre molto attivi sotto questo punto di vista), nell’ambito del QIP, individuiamo una serie di piccole attrezzature che vadano a migliorare la nostra offerta, completandola e modernizzandola, come impianti audiovisivi e dispositivi di intrattenimento, proprio perché le difficoltà derivanti dal periodo post-sisma hanno sottolineato la necessità di un centro aggregativo per le giovani generazioni della nostra comunità. Tuttavia, la nostra convinzione è che le attività svolte all’interno della sede dell’Associazione siano solo la punta dell’iceberg del rilancio sociale di cui vogliamo renderci interpreti, poiché la maggior parte delle attività vanno svolte in luoghi pubblici, possibilmente all’aperto, ancor meglio se nei centri storici, direttamente a contatto con tutto ciò che rappresenta le nostre radici. A tal proposito, il primo punto del nostro programma è l’attuazione di una serie di attività che rendano attrattiva (anche e soprattutto a livello turistico) la festa patronale di San Vito, che si svolge nella terza settimana di Giugno. Nella fattispecie, le attività che proponiamo per l’anno in corso sono fondamentalmente suddivise in tre giornate, e sono: 1. Torneo intercomunale di calcio, ed una serie di eventi sportivi correlati, con l’intenzione di promuovere la cultura sportiva e associativa delle varie realtà del comune di Montalto delle Marche 2. Aperitivo panoramico e serata musicale sulla terrazza del centro storico di Montalto Marche, preceduta dalla consegna delle chiavi al Santo Patrono San Vito, volto a catalizzare l’interesse delle generazioni più giovani 3. Serata folkloristica conclusiva, con partecipazione di gruppi musicali storici e degustazione di piatti tipici Il nucleo del nostro progetto, tuttavia, è rappresentato dalle due manifestazioni centrali dei mesi di Luglio ed Agosto. 1. “Casserata, una Sagra del Cassero”: programmata per la seconda settimana di Luglio, questo è un progetto nato e sviluppato per tramandare, proporre e valorizzare la cultura popolare della nostra memoria storica. Alla base di questo evento, uno studio approfondito sulle nostre radici culturali e sulle nostre tradizioni culinarie, che intendiamo riproporre, di anno in anno, attraverso una proposta attrattiva e sempre nuova, capace di rinnovarsi autonomamente grazie all’apporto della collaborazione “giovani-anziani”. L’evento si articola in due serate, la prima (venerdì) si incentra su un tema musicale, coinvolgendo le scuole musicali del comune di Montalto delle Marche, i gruppi emergenti del territorio e collaborazioni con altre associazioni musicali della provincia di Ascoli Piceno; la seconda serata avrà un tema decisamente più “folkloristico-culturale”, con la presentazione di figure storiche della scena montaltese (da Sisto V a Giuseppe Sacconi, da Antonio Bonfini a Fabio Biondi e Coraldo Piermani). Durante lo svolgimento di entrambe le serate, sarà possibile degustare le ricette tipiche della tradizione montaltese, tramandate a noi dagli anziani, ripensate e riproposte da una cucina gestita da under-30. A tal proposito, nell’ambito del QIP, abbiamo individuato una serie di attrezzature tecniche necessarie allo sviluppo del progetto (materiale da cucina come friggitrici, cuocipasta professionali, congelatori e fornelli, ecc..), che si rendono indispensabili poiché, a causa del sisma del 2016, numerose strutture pubbliche funzionali allo svolgimento di tali attività, risultano essere inagibili o danneggiate. 2. “La Notte delle Streghe e dei Folletti”; in collaborazione con il comitato StregheFoletti, contribuiamo da anni a questo evento noto in tutto il centro Italia, dedicato alle famiglie ed in particolar modo ai bambini. Questo evento, che si svolge a metà Agosto nel centro storico di Montalto Marche, in tre giornate di giochi, intrattenimento, gastronomia e cultura, risente senza dubbio della limitata capacità organizzativa derivante dai danni del terremoto. Poter disporre di nuovo materiale tecnico (materiale audiovisivo, strumenti per cucine da campo, attrezzi specifici per grandi cucine, ecc..) come quello specificato nei preventivi, darebbe alla nostra Associazione (ad alle associazioni con cui collaboriamo, nonché a tutta la cittadinanza montaltese) un notevole margine di manovra per migliorare la proposta di intrattenimento e formazione che intendiamo rivolgere alle famiglie e soprattutto ai bambini, linfa vitale del tessuto sociale marchigiano e italiano, in un processo educativo che li coinvolga nel saper (e poter) vivere il centro storico delle proprie comunità, comprendendone il potenziale culturale e turistico, che a nostro avviso rappresenta la base formativa per poter crescere nuove generazioni attente al territorio, ma orientate al futuro, e quindi alla condivisione di questa nostra profonda cultura popolare con la grande affluenza turistica che meritano queste terre, oltre che con le generazioni future. Concludendo, disporre di queste attrezzature garantirebbe uno slancio fondamentale, sia per la nostra associazione (che si basa esclusivamente sul volontariato dei cittadini), ma anche e soprattutto per le nostre comunità, che vivono di eventi associativi e culturali come quelli che da anni “MyClan” propone. A tal proposito, ripartire e rialzarsi dopo gli eventi successivi allo sciame sismico del 2016, specialmente sotto il punto di vista associativo e culturale, nonché dal punto di vista sociale e popolare, crediamo rappresenti il vero punto di svolta per le nostre comunità, in un’ottica di conservazione, rilancio e condivisione del nostro patrimonio e della nostra memoria storica, di cui i giovani devono necessariamente rendersi protagonisti.