Circolo Culturale Colsalvatico
Responsive image
Budget speso su 30000,00
Indirizzo

Marche, Macerata, Tolentino

Email

info@fabricacity.org

Sito

http://www.fabricacity.org/

Social Profiles

Descrizione

Fabrica City - la città del fare nasce dall'idea di mettere in rete persone, enti ed associazioni. Una nuova offerta volontaria che trasforma gli spazi in luoghi, e dove le relazioni acquisiscono un primato.

Ospita e propone una serie di attività per rigenerare la comunità colpita dal sisma attraverso nuovi percorsi di sviluppo locale, la valorizzazione delle tradizioni culturali del territorio e la promozione di modelli di sviluppo sostenibili.

Cosa facciamo

Botteghe

Botteghe

Situazioni di incontro per trasmettere alle giovani generazioni la manualità artigianale e facilitare il dialogo tra micro-imprese, laboratori e PMI artigianali fortemente radicati nel territorio. Il settore Botteghe promuove una rete di diverse professionalità per la rivalutazione delle arti e mestieri attraverso lo scambio di metodi e tecniche innovative di lavorazione.

Terra

Terra

Incontri informativi e sperimentali con lo scopo di diffondere la conoscenza delle produzioni agricole locali. Il settore Terra valorizza la filiera corta per una sempre maggiore sovranità agricola, promuove un consumo critico, equo e solidale sia locale che globale.

Osservatorio

Osservatorio

Attività e laboratori per educare alla bellezza del territorio attraverso lo studio ed il racconto dello stesso. L’Osservatorio proporrà azioni di recupero delle aree urbanizzate tuttora non sfruttate per valorizzare il tessuto urbano e promuovere una politica di riqualificazione in ottica di lungo termine.

Piazza

Piazza

Nella Piazza di Fabrica City si ospitano momenti di formazione e di incontro per favorire le relazioni e generare processi creativi d’innovazione.


Contatti

Manifesto


Obiettivi specifici

Botteghe

  • Avviare una prima mappatura del territorio di artigiani ed esperti locali che, ancora dopo l’evento sismico, operano in settori artistici diversi. Creare un luogo per unire sinergie ed avviare incontri di ibridazione di esperienze, competenze e sensibilità diverse per lo sviluppo di nuove modalità operative, la realizzazione di prodotti innovativi e scambio di conoscenze, idee ed opinioni;
  • Promuovere attraverso eventi, anche di tipo conviviale e convegnistico, i prodotti artistici locali che non hanno forte impatto ambientale, ma che sono realizzati 3 attraverso processi produttivi poco invasivi e generalmente utilizzando materie prime locali;
  • Realizzare un luogo dove gli oggetti di uso quotidiano possono essere riparati o restaurati da altri o personalmente all'interno di uno spazio dotato di postazioni di lavoro con gli attrezzi necessari. In questo luogo è possibile incontrarsi e ri-costruire un oggetto, anche con creatività, grazie anche alla disponibilità e alle capacità di artigiani che entreranno in contatto con i partecipanti in modo conviviale.

Terra

  • Organizzare e sviluppare un gruppo d’acquisto a partire dai produttori presenti al “Mercato del Contadino Filiera Corta Biologica” già presente a Tolentino e presenti presso la Bottega del Commercio Equo e solidale;
  • Realizzare focus group/laboratori, gruppi di studio e confronto tra contadini per migliorare la qualità delle produzioni agricole locali;
  • Realizzare happy hour green per formare ed informare giovani di età compresa tra 19- 29 anni per una green economy locale.

Osservatorio

  • Creare un Osservatorio del territorio – Urban Center per lo studio ed il recupero delle aree dismesse attraverso una Teca reale e virtuale: scatola in cui si custodiscono oggetti rari e preziosi, luogo fisico e non fisico dove ogni cittadino può consultare, accedere e riscoprire le bellezze del suo territorio;
  • Creare percorsi nella città volti a rianimare e valorizzare la stessa;
  • creare guide interattive della città, attraverso mappe ed itinerari da seguire a piedi ed in bicicletta.

Piazza

La formazione è l’attività che unisce le diverse aree di intervento. Pur con espressioni diverse, è l’aspetto fondamentale nella riuscita di ogni azione, per il coinvolgimento consapevole e responsabile degli attori e per il coinvolgimento dei giovani come protagonisti delle innovazioni auspicate:

  • In riferimento alle Botteghe: avviare percorsi di formazione e orientamento al mestiere (in&out) per la trasmissione del saper fare artigianale a giovani di età compresa tra gli 11 e i 29 anni. Il fine è quello di generare nuova occupazione ed accompagnare i ragazzi nella realizzazione di prodotti d’eccellenza attraverso la formazione e orientamento ai vecchi mestieri (Esempio formativo dell’Associazione Cometa, primo liceo artigianale in Italia, educare attraverso la bellezza, rimedio alla dispersione scolastica);
  • Riguardo la Terra: Incontri di sensibilizzazione attinenti al tema della sostenibilità ambientale e sana alimentazione con degustazioni, momenti culinari, corsi di formazione, presentazioni di aziende agricole locali e dei loro prodotti, ecc.
  • Infine, per l'Osservatorio:
    • avviare percorsi formativi di conoscenza del territorio attraverso giochi partecipati, rivolti ai ragazzi di Istituti comprensivi e scuole superiori;
    • avviare focus group formativi di confronto e di cooperazione per far emergere nuove idee, applicare un problem solving creativo, elaborare azioni contestualizzate per attività di riuso e rigenerare di spazi e beni comuni.

Sul fronte comunicazione, l’obiettivo è quello di far sentire la cittadinanza parte attiva del progetto. Fabrica City si basa infatti sulla condivisione e cooperazione. L’idea è quella di identificare la sede di Fabrica City come centro vitale della città in cui si costruisce una nuova economia basata sul “saper fare” e sulle relazioni costruttive tra individui.