CM Viaggio
Responsive image
Budget speso su 240000,00
Indirizzo

Marche, Macerata, Macerata

Telefono

+390733232711

Email

cmviaggi@cmviaggi.it

Sito

http://www.cmviaggi.it/home.php

Social Profiles

Descrizione

Obiettivo specifico del progetto è quello di valorizzare le tipicità settoriali legate al mondo del turismo e dell’agro-alimentare, delle quattro regioni colpite dal sisma (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo), e in particolare dei territori del cratere.

Risultato 1: diffusione di un’immagine dell’area in linea con la sua identità. Comunicare un territorio vuol dire far conoscere l’attitudine di quel territorio, diffondere le sue potenzialità ed il suo carattere distintivo (identità) rispetto ad altri ambiti geografici, rivolgendosi sia ai pubblici esterni sia a quelli interni, in modo da creare anche un senso di condivisione su ciò che il territorio è, sui suoi valori e su ciò che esso fa. In tal modo, si comunica e si rinforza l’immagine del territorio, che è quella che influenza le decisioni ad esso relative, immagine che consiste nella percezione che i pubblici di riferimento hanno del luogo stesso. L’immagine, ovviamente, che si intende comunicare deve essere coerente con gli obiettivi di sviluppo del territorio e, quindi, con i valori effettivi che caratterizzano il modo di vivere e di operare di quell’area. Pertanto la strategia di comunicazione che il progetto intende proporre sarà declinata su due livelli, uno teso alla costruzione di una percezione positiva del luogo e dei sui prodotti, l’altro orientato alla valorizzazione di una determinata funzione d’uso del territorio. Per fare ciò, sarà necessario analizzare la situazione effettiva dell’ambito territoriale considerato per comprendere l’equilibrio tra il suo potenziale relativamente a determinate attività o funzioni d’uso e l’immagine percepita presso i pubblici di riferimento. La comunicazione avrà la funzione di rendere comprensibile l’evoluzione che il territorio intende seguire, e, quindi, diffondere la vocazione del luogo, il suo posizionamento presso gli utenti attuali e potenziali. La comunicazione accompagna l’azione di sviluppo competitivo dell’offerta territoriale. In questa prospettiva, essa sarà finalizzata a veicolare al pubblico target un insieme di informazioni sulle caratteristiche del territorio, a livello generale (risorse ambientali - paesaggistiche, risorse produttive in ambito eno-gastronomico sia artigianale che industriale, quiete, relax, serenità, calore, spiritualità, genuinità) e di singole offerte esistenti nel suo ambito. Oggetto della comunicazione non sarà, quindi, solo il territorio nel suo insieme, ma anche specifici elementi di forza che lo rendono particolarmente attrattivo rispetto ai bisogni del pubblico target. La strategia comunicativa, inoltre, fornirà informazioni chiare e complete, in grado di suscitare emozioni e attitudini, con queste sarà in grado di indurre ad azioni e comportamenti.

Risultato 2: lo sviluppo di un progetto di promozione turistica del territorio e dei suoi prodotti tipici locali necessita della definizione di forme di negoziazione ed aggregazione tra le numerose attività di valorizzazione delle diverse risorse territoriali, ad opera sia degli operatori locali dell’offerta che degli stakeholders (enti pubblici, scuole, università, associazioni profit e no profit, gli enti e le associazioni socio-culturali, mezzi di comunicazione, sindacati, i rappresentanti dei consumatori (turisti/viaggiatori), rappresentanti degli abitanti), che presentano come elemento comune l’integrazione dell’offerta turistica con quella del territorio nel suo complesso. Le attività del progetto possono rappresentare importanti opportunità di sviluppo per queste aree, a condizione che si attuino dinamiche aggregative efficaci e finalizzate alla realizzazione di un progetto collettivo. Per il successo delle strategie delle singole aziende turistiche (hotel, ristoranti, agriturismi, ecc.) e delle aziende agro-alimentari è determinante che tutti gli attori dell’offerta si coordinino fra loro, attraverso interazioni collaborative e cooperative, per ottenere quel complesso di sinergie che permettono di offrire un prodotto/servizio con un elevato valore percepito. Ciò consente al sistema di proporsi ai turisti/consumatori come un’entità unica, facilitando ogni azione di marketing operativo, in particolare quelle rivolte alla costruzione ed erogazione di prodotti-esperienze complessi, mirati ad innalzare il livello di soddisfazione e coinvolgimenti secondo la logica dell’experience economy. Un siffatto sistema territoriale permette dunque un’attività comune di pianificazione e gestione, grazie a relazioni dense e fondate sulla fiducia reciproca.

Risultato 3: sviluppo economico ed occupazionale delle strutture dell’accoglienza, della ristorazione, dell’agro-alimentare. La continua evoluzione e instabilità della domanda fa emergere il territorio come nuovo soggetto di offerta che deve riscoprire la sua complessità fatta da una molteplicità di luoghi, tradizioni, prodotti. La globalizzazione tende a restituire enfasi al luogo, inteso come espressione di scelte adottate da una pluralità di attori, che devono rintracciare nuove opportunità di scelte e di azioni. La capacità di valorizzare il territorio rappresenta un elemento decisivo per la diffusione dei suoi servizi e prodotti tipici e locali, in considerazione delle importanti ricadute economiche, occupazionali, sociali e turistiche che esso può produrre. Attraverso la valorizzazione del territorio, infatti, la funzione meramente ricettiva delle attività turistiche viene integrata da nuove e diverse funzioni, tra cui la tutela dell’ambiente e del territorio, la conservazione della cultura e delle tradizioni rurali, creando spazi e luoghi interessati da nuove dinamiche di tipo economico e sociale. Il progetto costituisce l’opportunità di accrescere il posizionamento dell’offerta turistica, anche destagionalizzata, per estrarre maggior valore dal cliente. Questo impone agli operatori locali dell’offerta di spostarsi dal business della semplice offerta di servizi al business dell’esperienza, proponendo offerte che possono essere percepite ad un livello di valore superiore. Nella prospettiva del consumatore moderno alla ricerca di continue e nuove emozioni e di nuovi modi di essere, la domanda si concretizza in domanda di esperienze ed è con queste profonde trasformazioni che l’offerta deve misurarsi.