Comune di Arrone
Responsive image
Budget speso su 30000,00
Indirizzo

Umbria, Terni, Arrone

Telefono

+393312823802

Email

turismo.arrone@gmail.com

Sito

http://www.comune.arrone.terni.it

Social Profiles

Descrizione

Obiettivo principale è svolgere una funzione di socializzazione e di valorizzazione del Territorio.

Le attività svolte all'interno dei Borghi, andranno a migliorarne la vivibilità, contribuendo a contrastare il decadimento e l’abbandono del paese. Riscoprire la socialità attraverso la ricerca del benessere e sviluppare il turismo sostenibile sono attività in grado di fornire un contributo significativo per aumentarne l'interesse e contrastare lo spopolamento dell'Area.


Vengono previste le seguenti attività:

Figure professionali di "educatore - animatore"

Nell'ambito del progetto viene realizzato un corso per "educatore- animatore”, mediante un percorso formativo che sviluppa le competenze necessarie per svolgere l’attività, in particolare per gestire la relazione con bambini, ragazzi e con le rispettive famiglie e nello stesso tempo progettare e realizzare interventi di animazione ludico-ricreativa.

Il corso si pone l’obiettivo di fornire competenze per svolgere l’attività di educatore-animatore, gestire le relazione con bambini e ragazzi e con le loro famiglie, progettare e realizzare interventi di animazione ludico-ricreativa.

Il percorso formativo prevede l’utilizzo di molteplici strumenti, tra cui l’arte‐terapia che mira ad ampliare lo spettro delle potenzialità comunicative e di relazione, al fine di promuovere il benessere psicofisico.

Il linguaggio delle diverse forme d’ arte consente di entrare in contatto con parti profonde dell’individuo attraverso l’essenzialità e la naturalezza dell’esperienza sensoriale e corporea.

Attraverso l’azione creativa sarà facilitata la costruzione di un’identità stabile e flessibile, rafforzando la rappresentazione di sé ed ampliando il ventaglio delle modalità relazionali rispetto a stili di personalità, sociali e culturali diversi.

Il progetto mira a migliorare le capacità di socializzazione, favorire l’acquisizione di competenze espressivo‐estetiche e fornire elementi utili alla diagnosi del disagio fisico, psicologico e sociale nonché alla loro prevenzione.


Benessere nel borgo

Nell'ambito del progetto viene realizzato un laboratorio creativo finalizzato a migliorare il benessere nel borgo.

Ci si pone sul territorio come una "realtà̀" attenta alle problematiche sociali pronta con i suoi servizi ad operare concretamente in collaborazione con il servizio sociale e l’Ufficio di Cittadinanza per favorire il benessere psico-fisico dei residenti. Inoltre viene rivolta attenzione anche alle persone extra-comunitarie per offrire loro un percorso di accompagnamento all'interno della società̀ mediante l'interscambio culturale e l'abbattimento delle barriere culturali attraverso la conoscenza reciproca.

In sintonia con il progetto del Comune di Montefranco, che si rivolge alla stessa popolazione scolastica, viene organizzato un laboratorio creativo di "arte-terapia", destinato a bambini e ragazzi denominato "CURòMI" , volto al potenziamento delle autonomie sociali, dell'autostima e della fiducia. I percorsi di "arte-terapia", in particolare quelli per i bambini con disabilità, perseguono fini ricreativi e didattici, creando opportunità per divertirsi insieme ai bambini della loro età.

Il progetto Curòmi, prevede un lavoro sulle emozioni attraverso la riscoperta dei giochi del passato e l’esplorazione dei vissuti dei bambini in relazione allo spazio. Vengono prese in considerazione le emozioni fondamentali: gioia, rabbia, tristezza, disgusto, paura e sorpresa, soffermandosi anche su due particolari vissuti, libertà e costrizione dimensioni fondamentali dell’essere umano.

Attraverso il movimento creativo, il canto, la lettura, il teatro, la musica, verrà consentito ai ragazzi di sperimentare diverse modalità̀ espressive alla scoperta della propria unicità̀ in un contesto giocoso e stimolante.


Valorizzazione e tutela degli antichi mestieri.

L’attività prende avvio da una ricerca effettuata dall’Associazione Magister che nel volume “gli antichi mestieri di Arrone” effettua la ricognizione dei mestieri attivi negli ultimi cinquanta anni.

Il progetto, attraverso il coinvolgimento attivo, degli anziani, si pone l’obiettivo di individuare i mestieri che possiedono ancora un valore economico e di analizzare le criticità che hanno determinato la scomparsa di alcuni di essi ed i fattori di forza che hanno invece consentito ad altri di conservare il loro valore economico.

Il progetto prevede anche la realizzazione di una mostra sugli antichi mestieri per documentare usi, costumi e saperi.


Riscoperta della figura del mastro norcino

Nella Valnerina uno dei mestieri antichi più diffuso è quello del norcino, ma dopo l'industrializzazione della produzione alimentare anche la figura del norcino è legata ormai alla sapienza delle vecchie generazioni.

All’inizio del secolo la corretta pratica della macellazione e conservazione della carne era strettamente collegata alla sopravvivenza delle famiglie, soprattutto nei mesi invernali. La tradizione conferisce al norcino un ruolo fondamentale nella storia della cultura alimentare.

Trasferire tali conoscenze dalle vecchie generazioni di norcini ai giovani rappresenta un potenziale motore economico. Contemporaneamente favorisce una corretta macellazione del maiale e la trasformazione delle carni conferendo al prodotto finale un sapore che racchiude le caratteristiche del territorio di produzione.


Raccontami la tua storia : un modo peculiare per raccontare la propria storia di vita.

Il progetto è nato dall'esigenza di andare incontro ai bisogni e alle difficoltà dei soggetti della terza età̀ ma anche dall'esigenza di riscoprire le loro potenzialità̀, far riemergere le loro conoscenze e riscoprire l'importanza del tramandare antiche tradizioni.

L’esigenza è quella di andare incontro ai bisogni e alle difficoltà dei soggetti della terza età che per diversi motivi possono trovarsi in una condizione di solitudine, di mancanza di “potere”, di emarginazione e di esclusione all’interno della famiglia stessa.

Molte cose possono essere fatte per dare maggiore dignità all’esistenza delle persone anziane, le quali meritano di essere viste come una risorsa piuttosto che come un peso e un ostacolo per la società odierna orientata al consumo e alla produttività.

Il progetto si dividerà in due fasi:

  • La prima fase è rivolta all’accoglienza degli anziani che vengono messi nella condizione di potersi sentire a proprio agio e raccontare la propria storia. Tale racconto darà loro la possibilità di esprimere il proprio vissuto di esprimere i propri vissuti, pensieri ed emozioni in modo interattivo in un rapporto di fiducia tra anziani e operatori.

Verranno utilizzate diverse attività artistiche, come pittura, musica e teatro, come strumenti che consentono all’individuo di intervenire in modo flessibile su se stesso.

  • La seconda fase è costituita dalla possibilità di creare un rapporto tra anziani e i bambini trasmettendo le loro storie di vita. L’anziano, infatti, avrà la possibilità di raccontare di se, della sua vita, dei mestieri del suo tempo e dei giochi che faceva da bambino. Per il bambino sarà interessante rapportarsi con la storia inserendola in un contesto di vita reale e riuscirà ad entrare in contatto con la realtà passata grazie al racconto di chi li ha vissuto.

Il ruolo dell’operatore, dopo la prima fase in cui avrà il compito di creare una condizione di serenità tra le persone che parteciperanno al progetto, sarà quello di mettere a disposizione le proprie competenze per costruire modalità creative e funzionali di relazione tra anziano e bambino.


Arrone : borgo cardio protetto

Ogni anno in Italia vengono colpite da arresto cardiaco più di 60.000 persone, molte delle quali si potrebbero salvare grazie ad un intervento di primo soccorso tempestivo ed adeguato, effettuato prima che arrivi l’ambulanza, da un testimone dell’avvenimento.

Scopo del progetto è realizzare eventi volti ad informare le diverse fasce della popolazione circa la rilevanza dell’ arresto cardiaco improvviso e l’importanza di conoscere e saper eseguire le manovre di rianimazione.

Manovre semplici e sicure in grado di salvare la vita, che possono essere effettuate da chiunque, anche senza una preparazione sanitaria specifica.

Il progetto prevede la realizzazione di due o più corsi di esecutore BLSD adulto- bambino per la rianimazione cardiopolmonare con l'uso di defibrillatori semiautomatici secondo le linee guida internazionali dell’American Heart Association. Il primo corso si svolgerà il 5 Settembre ed è rivolto agli insegnanti e al personale dell’Istituto Comprensivo G. Fanciulli di Arrone.

Al termine del corso ai partecipanti verrà rilasciato un attestato, riconosciuto a livello internazionale, con conseguente iscrizione nel registro 118 regionale.

Nell'ambito del progetto, è prevista l’installazione di tre defibrillatori semi automatici, in punti sensibili del Comune, uno dei quali verrà messo a disposizione dell’Istituto Comprensivo G.Fanciulli.

Contestualmente il Comune ha aderito alla settimana per la Rianimazione cardiopolmonare “VIVA” (15-21 Ottobre 2018), promossa dall’ ”Italian Resuscitation Council” in attuazione della dichiarazione del Parlamento Europeo del 14 Giugno 2012.

Nei giorni 19 e 20 Ottobre 2018 verranno organizzate due iniziative dimostrative di rianimazione cardiopolmonare con massaggio cardiaco su manichini e disostruzione anti soffocamento presso il Centro Commerciale di vocabolo Isola ed in Piazza Garibaldi e verrà distribuito materiale didattico presso le scuole.


Progetto calcio armonico "Vincere con la Musica”,

Il progetto nasce e si sviluppa con la convinzione che la Musica non sia un complemento astratto e casuale, ma fondamentale in ognuno di noi, destinato a ragazzi e giovani che svolgono attività̀ sportiva.

Nello sport, e specialmente nel calcio, la musica usata in fasi e modi appropriati porta l’atleta a risultati eccellenti, poiché migliora la prestazione individuale e di gruppo e fortifica l’individuo anche fuori dall’ambito sportivo.

Questo nuovo e rivoluzionario metodo di allenamento mira ad usare la musica per ottimizzare e potenziare le abilità intrinseche di ogni singolo sportivo.

L’uso idoneo della Musica, sviluppato in questo progetto, libererà l’atleta dai freni inibitori rendendolo più sicuro e capace di usare al meglio la propria creatività e fantasia.

La musica focalizza l’attenzione, distoglie la mente dalla sensazione di fatica e come tale è utilizzata come stimolo negli allenamenti più duri o come sollievo per i momenti di ansia e nervosismo.

Il progetto si pone molteplici obiettivi:

  • Sincronizzare il ritmo dell’esercizio con la musica per dare il giusto tempo ai movimenti, migliorarne l’acquisizione e prolungare la performance sportiva.
  • Preparare il ragazzo in modo completo ad affrontare lo sport, quale strumento formativo nell'età dello sviluppo.
  • Ottimizzare le risorse potenziali dei giovani, in termini individuali e all'interno della squadra.
  • Definire un contesto in cui i ragazzi sono portati ad esprimersi senza riserve con serenità e fantasia.
  • Favorire la comunicazione tra famiglia, scuola e ambiente sportivo.


Laboratorio di riciclo creativo: “RICICL’ARTE “

Per sollecitare l’attenzione sul problema dell’inquinamento e della gestione dei rifiuti, convinti che per creare un ambiente sostenibile sia necessario sviluppare azioni di sensibilizzazione costante, in collaborazione con l’Associazione Culturale “Ponte degli Artisti" di Terni, abbiamo sviluppato un progetto che vede la collaborazione di diverse forme espressive (artisti, designer, poeti, fotografi…) in modo che l’elemento creativo, che è in tutti noi, possa dar vita a nuove idee, attraverso il coinvolgimento dei cittadini sul problema, avvicinandoli al mondo dell’arte,

Nell'ambito del progetto abbiamo attivato un laboratorio di produzione, sperimentazione e creazione di manufatti ottenuti con materiale riciclato carta, cartone, alluminio, plastica, tetrapak, colori acrilici, filati e tanto altro ancora: “Quanti modi e quante occasioni per riciclare”.

Lo spirito è quello di stimolare la curiosità degli adulti ed anziani, alla creazione manuale di piccoli oggetti artistici e decorativi e contemporaneamente farli riflettere sull' importanza di conoscere e
riconoscere i diversi materiali e comprendere che non diventano inutili, ma possono avere una vita nuova, nell’ottica dell’economia circolare.

Gli oggetti realizzati nel corso del Progetto daranno vita ad un evento nel periodo di dicembre 2018, con performance dal vivo ed esposizione lavori.


Workshop di fotografia

Realizzazione di un workshop di specializzazione fotografica tenuto da fotografi abilitati e di alto livello nazionale che fornisca ai giovani la preparazione necessaria per valorizzare gli aspetti peculiari del territorio e documentare un'opportunità di sviluppo, che in questo periodo si sta sviluppando nel campo del wedding planner ( "matrimonio nel borgo") . Si ritiene inoltre che la vicina Cascata delle Marmore possa sempre più̀ essere luogo per matrimoni e quindi investire su questo versante, creando professionalità adeguate possa avere un importante risvolto occupazionale.

Al termine del workshop verrà organizzata una mostra fotografica sul tema "l'Italia dei borghi" in grado di valorizzare le peculiarità̀ locali in un contesto nazionale.